Crea sito

Il miele medicina per la tosse

Diverse ricerche confermano quello che la tradizione popolare ci ha tramandato nei corsi dei secoli, il miele è una preziosa medicina per la tosse. Anche se è più spesso usato come ottimo dolcificante ed ingrediente di molte pietanze e golosi dolci e non ultimo anche in coccolosi trattamenti estetici.

1.La tosse cronica
La tosse è un riflesso umano naturale che pulisce la gola del muco o irritanti estranei. Anche se non è comune, la tosse viene utilizzata per eliminare sostanze estranee e sostanze irritanti raramente associate a una determinata infezione polmonare. A differenza di una tosse acuta, la tosse cronica è una tosse che dura più di otto settimane.

Le cause più comuni di una tosse cronica sono gocciolamento retro nasale, asma e reflusso acido. Gocciolamento retro nasale, asma e reflusso acido si riscontrano nel 90% dei pazienti con tosse cronica.

Statisticamente circa il 2% degli adulti soffre di tosse cronica e il rischio di tosse cronica nei fumatori è più alto rispetto ai non fumatori.

Oltre al fumo, le persone con malattie polmonari croniche come l’asma, le bronchiectasie, la bronco pneumopatia cronica ostruttiva e precedenti infezioni polmonari che hanno lasciato cicatrici sono a maggior rischio di sviluppare una tosse cronica.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che anche i bambini obesi potrebbero essere a rischio della tosse cronica. Il dott. S. Deane, uno dei massimi esperti nello studio del rischio di tosse cronica nei bambini obesi, ha rilevato la correlazione fra la patologia respiratoria e l’aumento di peso nei bambini rispetto ai loro coetanei di peso normale.

Nei bambini obesi, la mancanza di respiro, il respiro sibilante e la tosse spesso sono facilmente curabili con la perdita di peso più che con broncodilatatori. (1)

miele alle erbe aromatiche

 

 

 

 

 

 2. Il Miele per la tosse dei bambini
I ricercatori hanno concentrato la loro attenzione sul miele ed hanno condotto uno studio su 300 bambini di età compresa tra 1 e 5 anni affetti da tosse notturna associata ad infezione del tratto respiratorio superiore malati da almeno 7 giorni. Lo studio ha coinvolto sei cliniche pediatriche del nord America.

I bambini hanno ricevuto  una dose singola di 10gr. di 3 tipi di miele all’eucalipto,  agli agrumi e alle piante aromatiche o un placebo somministrato 30 minuti prima di andare a dormire.

Dopo 2 giorni di trattamento consecutivo c’è stato un miglioramento significativo dalla notte prima del trattamento alla notte di trattamento nel gruppo trattato con il miele rispetto al placebo. (2)

caffè e miele

 

 

 

3. Il miele ed il caffè per la tosse degli adulti
In un altro  studio i ricercatori hanno esaminato l’effetto del miele nella tosse persistente post-infettiva che dura da più di tre settimane o anche da diversi mesi.

Lo studio controllato randomizzato in doppio cieco condotto dal 2008 al 2011 presso l’ospedale universitario di Baqiyatallah, Teheran, Iran ha incluso 97 adulti con tosse persistente post-infettiva da più di tre settimane suddivisi a caso in tre gruppi.

Ai partecipanti è stata somministrata una “marmellata” composta da miele e caffè al primo gruppo (“HC”), prednisolone al secondo gruppo (steroidi, “S”) o guaifenesina per il terzo gruppo (fluidificante “C”). A tutti i partecipanti è stato detto di sciogliere una quantità specifica del loro prodotto in acqua calda e di bere la soluzione ogni otto ore per una settimana.

I punteggi medi della tosse pre e post-trattamento erano:
1° gruppo miele e caffè (“HC”) 2,9  pre-trattamento e 0,2 post-trattamento;
2° gruppo steroide (“S”) 3,0 pre-trattamento e 2.4 post-trattamento;
3° gruppo fluidificante (“C”) 2,8 pre-trattamento e 2,7 post-trattamento.

I ricercatori hanno visto che vi è una differenza significativa tra la frequenza media della tosse prima e dopo il trattamento nel gruppo HC, rispetto al gruppo S.

Il miele più caffè è risultato essere la modalità più efficace per curare la tosse cronica post infezione, rispetto agli altri due gruppi.

Complessivamente, il miele può essere considerato un rimedio alternativo per la prevenzione e il trattamento della tosse cronica nei bambini e negli adulti. Restiamo in attesa della conferma con uno studio multicentrico umano di grandi dimensioni. (3)

Non dobbiamo essere noi a fare la diagnosi sul nostro tipo di tosse.  La diagnosi deve sempre essere fatta dal medico, al quale dobbiamo sempre chiedere consiglio prima di fare qualsiasi automedicazione.

fonte:

(1) Obesity and the pulmonologist by S Deane and A Thomson. (PMC)

(2) Effect of honey on nocturnal cough and sleep quality: a double-blind, randomized, placebo-controlled.  Study by Cohen HA1, Rozen J, Kristal H, Laks Y, Berkovitch M, Uziel Y, Kozer E, Pomeranz A, Efrat H. (PubMed)

(3) Honey plus coffee versus systemic steroid in the treatment of persistent post-infectious cough: a randomised controlled trial by Raeessi MA1, Aslani J, Raeessi N, Gharaie H, Karimi Zarchi AA, Raeessi F. (PubMed)